Aria di casa

Cosa ti viene in mente leggendo le parole “inquinamento atmosferico”?

Probabilmente penserai ai gas di scarico delle auto, lo smog delle grandi città, le ciminiere di fabbriche che senza sosta sbuffano fumo nero. Insomma, le classiche immagini che affollano i libri di scienze, nel capitolo “Che cos’è l’effetto serra”.

Ed è giustissimo, quelle sono senz’altro le prime cause del cambiamento climatico su scala globale.
Nell’immaginario comune, quando si parla di inquinamento si tende sempre a pensare a terrificanti scenari post-apocalittici di grigie periferie, ma l’aria inquinata è un problema che ci tocca molto più da vicino, spesso proprio tra le mura di casa nostra.

L’inquinamento domestico è un fenomeno molto diffuso e altrettanto sottovalutato. La qualità dell’aria che respiriamo ogni giorno nelle nostre abitazioni è influenzata da innumerevoli fattori, molti dei quali dipendono proprio dai nostri comportamenti quotidiani.
Niente paura, i rimedi ci sono e sono anche semplici da adottare.

  • CAUSE E RIMEDI

Come abbiamo detto, le cause sono davvero tante. Alcune più ovvie, altre totalmente inaspettate.
Vediamo quelle più influenti.

  1. Gli arredi

La maggior parte dei mobili che abbiamo in casa sono spesso trattati con vernici tossiche, che ovviamente rilasciano agenti chimici nell’aria. Altri, invece, sono fatti di truciolato trattato con formaldeide, che in grandi quantità può danneggiare l’apparato respiratorio.
Pensaci due volte prima di comprare quella bella libreria rossa a soli €49,90!

  1. I fornelli

I fornelli e le stufe a gas emettono biossido di azoto, monossido di carbonio e particolato.
Quest’ultimo, nello specifico, è composto da piccolissime particelle in grado di penetrare nei polmoni e in tutti i tessuti del corpo.
Pensa che a volte il livello di biossido di azoto in cucina è più alto di quello degli ambienti esterni!

Ricorda sempre di accendere la cappa mentre cucini, e apri le finestre per favorire il ricircolo d’aria.

  1. I prodotti per la pulizia

I prodotti e i detergenti che utilizziamo per la pulizia della casa influiscono pesantemente sulla qualità dell’aria. La maggior parte di quelli industriali, infatti, contiene sostanze chimiche che vengono ovviamente rilasciate nell’ambiente una volta utilizzati.
Cerca di utilizzarli sempre nelle giuste quantità, e prediligi prodotti green che non contengono agenti tossici e rispettano l’ambiente.

  1. L’umidità

Un problema comune in quasi tutte le abitazioni.
Se si supera il 50% del livello di umidità in casa, si favorisce la formazione di muffe, che, oltre a macchiare le pareti, spesso hanno anche un odore sgradevole.

Purtroppo, i rimedi non sono molti. Una soluzione valida potrebbe essere l’utilizzo di un deumidificatore per ambienti.

Il consiglio generale, comunque, è di evitare di fumare in casa per non peggiorare la situazione e soprattutto di far arieggiare ogni giorno tutte le stanze, lasciando le finestra aperte almeno mezz’ora al giorno (sì, purtroppo ti tocca farlo anche in inverno).

“Casa” è anche l’aria che respiri, inizia a prendertene cura!

Post by chiara castaldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *